CD Fuorisessione ’08

CD Fuorisessione 08

Fuorisessione ’08 è un progetto nato dall’Associazione Scienze Politiche Sassari, in collaborazione e a favore di Emergency: una compilation il cui ricavato è stato investito in progetti di pediatria e cardiochirurgia in Sudan.

Venti tracce di venti artisti diversi, tra volti conosciuti come Yo Yo Mundi, Sikitikis, Bandabardò, Giorgio Canali e Paolo Benvegnù, e diverse realtà sarde come Lame a foglia d’oltremare con il brano Galusé, Chichimeca e Nasodoble, per un disco eterogeneo che trova la sua forza nella varietà di stili e generi.

Galusé

P.Mereu, L.Lepori

Dae logos istranzos
Bennidu b’at dottissimas pessones,
In festas e pranzos
Cottu b’ant crabittos e anzones
E mandigos licanzos,
Puddas porcheddos pische e macarrones,
In custas abbas puras ant ismaltidu zelebres cotturas

Totu sunt uguales,
Inoghe nemo vantat sos blasones,
Baculos pastorales
S’aunint a ispadas e bastones,
Totu parent fedales
Sas betzas cun sas zovanes pessones,
Betzones e battias torrant piseddos a sas abbas mias

Tzetras armoniosas, fruscios e moidas,
Umbras misteriosas in sas mias friscuras

Odios e affettos
In me ant impreadu sos chi an bidu
E deo sos segretos
Appo gelosamente custoidu
Ca no sunt indiscretos
Sos umores chi in vida appo sumidu
E narrer chi isco cosas chi paren fina meravigliosas

A sas friscuras mias
Benin a fagher paghe sos contrarios,
Diversas rettilias
Preides politziottos cummissarios
E nobiles ispias
Inoghe si dant festas e isvarios,
Inoghe su dilittu fattu at cun sa zustissia s’oghittu

Tzetras armoniosas, fruscios e moidas,
Umbras misteriosas in sas mias friscuras

Una epoca beniat
Unu giovanu pallidu e ramasu
Chi inoghe invocaiat
Sas noe virginellas de Parnasu
Ma afflittu pianghiat
E mentres chi mi imprimiat unu basu
Misciaiat amaras lagrimas a sas mias abbas giaras

 

Da luoghi lontani
Sono giunte persone istruite,
E in occasione di feste e pranzi
Hanno cucinato capretti e agnelli
E cibi deliziosi
Galline, maialini, pesci e maccheroni,
In queste acque pure hanno smaltito celebri sbornie

Tutti sono uguali,
Nessuno qui vanta blasoni
O pastorali,
Le spade si uniscono ai bastoni,
Sembrano coetanei
Gli anziani e i giovani,
I vecchi e le vedove tornano bambini alle mie acque

Cetre armoniose, fruscii, mormorii
E ombre misteriose animano le mie fresche serate

Odi e affetti
Hanno impresso in me coloro che hanno bevuto
E i loro segreti
Ho custodito gelosamente
Perché non sono indiscreti
Gli umori che ho percepito in vita,
Ammetto di essere testimone di verità sorprendenti

Durante le fresche serate
Vengono a riappacificarsi gli opposti,
Varie specie di rettili
Preti, poliziotti, commissari
E nobili spie
Tengono feste e svaghi in questi luoghi,
Dove il delitto ha strizzato l’occhio alla giustizia

Cetre armoniose, fruscii, mormorii
E ombre misteriose animano le mie fresche serate

Un’epoca veniva da me
Un giovane pallido e magro
E qui invocava
Le nove vergini del Parnaso
Ma afflitto piangeva
E mentre mi baciava
Univa le sue lacrime amare alle mie acque chiare