CD Lame a foglia d’oltremare (2008)

Assandira

D.Deidda, Lorenzo Lepori

No lu cheres cumprendere,
Oh su duce americanu,
Magnificu e potente
Che su Divinu Re,
Sa bomba chi isti imbolende
Derettu torrada in manu t’est!
Assandira

Tue gherras pro sa paghe
E difendes sa daga imperiale,
Magnificu e potente
Che su Divinu Re,
Ma no cretas! Chi losingas
Sa morte
Prontas as de perras sette!
Assandira

E fizolos de vinditta
Anzende ch’est su male tou,
Manificu e potente
Che su Divinu Re,
Bi nd’an pitzinnos puru chi as
Pesadu
A perdas e fusile!
Assandira

E tando prite bos ispantades
De s’inzustissia?
Magnificos molentes a istellas e istriscias!
Prite bos ispantades,
Si su colonialismu
Marranu
Terrorismu connoschet!

 

Non lo vuoi capire,
Oh duce americano,
Magnifico e potente
Come il Divino Re,
La bomba che hai gettato
E stata riusata contro di te!
Assandira

Fai la guerra in nome della pace
E difendi lo scettro imperiale,
Magnifico e potente
Come il Divino Re,
Ma non illuderti! Se lusinghi
La morte
Ti ritrovi nella bara!
Assandira

La tua malvagità
Partorisce figli della vendetta,
Magnifico e potente
Come il Divino Re,
Persino i bimbi
Hai addestrato
Con pietre e fucili!
Assandira

Dunque perché vi stupite
Dell’ingiustizia?
Magnifici asini a stelle e strisce!
Perché vi stupite,
Se il colonialismo
Incontra
Il marrano terrorismo?

Galusé

P.Mereu, L.Lepori

Dae logos istranzos
Bennidu b’at dottissimas pessones,
In festas e pranzos
Cottu b’ant crabittos e anzones
E mandigos licanzos,
Puddas porcheddos pische e macarrones,
In custas abbas puras ant ismaltidu zelebres cotturas

Totu sunt uguales,
Inoghe nemo vantat sos blasones,
Baculos pastorales
S’aunint a ispadas e bastones,
Totu parent fedales
Sas betzas cun sas zovanes pessones,
Betzones e battias torrant piseddos a sas abbas mias

Tzetras armoniosas, fruscios e moidas,
Umbras misteriosas in sas mias friscuras

Odios e affettos
In me ant impreadu sos chi an bidu
E deo sos segretos
Appo gelosamente custoidu
Ca no sunt indiscretos
Sos umores chi in vida appo sumidu
E narrer chi isco cosas chi paren fina meravigliosas

A sas friscuras mias
Benin a fagher paghe sos contrarios,
Diversas rettilias
Preides politziottos cummissarios
E nobiles ispias
Inoghe si dant festas e isvarios,
Inoghe su dilittu fattu at cun sa zustissia s’oghittu

Tzetras armoniosas, fruscios e moidas,
Umbras misteriosas in sas mias friscuras

Una epoca beniat
Unu giovanu pallidu e ramasu
Chi inoghe invocaiat
Sas noe virginellas de Parnasu
Ma afflittu pianghiat
E mentres chi mi imprimiat unu basu
Misciaiat amaras lagrimas a sas mias abbas giaras

 

Da luoghi lontani
Sono giunte persone istruite,
E in occasione di feste e pranzi
Hanno cucinato capretti e agnelli
E cibi deliziosi
Galline, maialini, pesci e maccheroni,
In queste acque pure hanno smaltito celebri sbornie

Tutti sono uguali,
Nessuno qui vanta blasoni
O pastorali,
Le spade si uniscono ai bastoni,
Sembrano coetanei
Gli anziani e i giovani,
I vecchi e le vedove tornano bambini alle mie acque

Cetre armoniose, fruscii, mormorii
E ombre misteriose animano le mie fresche serate

Odi e affetti
Hanno impresso in me coloro che hanno bevuto
E i loro segreti
Ho custodito gelosamente
Perché non sono indiscreti
Gli umori che ho percepito in vita,
Ammetto di essere testimone di verità sorprendenti

Durante le fresche serate
Vengono a riappacificarsi gli opposti,
Varie specie di rettili
Preti, poliziotti, commissari
E nobili spie
Tengono feste e svaghi in questi luoghi,
Dove il delitto ha strizzato l’occhio alla giustizia

Cetre armoniose, fruscii, mormorii
E ombre misteriose animano le mie fresche serate

Un’epoca veniva da me
Un giovane pallido e magro
E qui invocava
Le nove vergini del Parnaso
Ma afflitto piangeva
E mentre mi baciava
Univa le sue lacrime amare alle mie acque chiare

Atlantide

D.Deidda, L.Lepori

Atrivius gherreris
E furisteris
Chi asruccànta su mari,
A Lutziferu iaus
Pregontau
Una terra innui essi meris,
Srubiat su Maistrai
Tzunchiat s’abba
A susu de su mannu nuragh’e Atlantide

Appillaus monti e pranu
Su marranu
Bastimentu aprobiada
Ma chentu e chentu nd’aiant
In marrania
De ispadas de brunzu paradas,
Lompiat su mammallucu
Su vandalicu, su moru
De is ungronis e de is cabus
Po ferri e occhiri,
Gratzias torraiaus a Lutziferu!

Po milli annus su tempus at sinnau
S’inferrorosa dantza ‘e nosu arestaus
Fintzas a candu su libburu sagrau
Stetiu est cun rughis arrubias ammantau

Atrivius gherreris
E furisteris
Chi asruccànta su mari,
A Lutziferu iaus
Pregontau
Una terra ‘e innui essi meris…
Donnia memoria isparessia,
S’unda umbrosa de su mari
Ch’at torrau a ingurti
S’isua nodìa,
Sa nuragica terra de Atlantide

 

Noi, coraggiosi guerrieri
E forestieri
Che solcavano il mare,
A Lucifero
Chiedemmo
Una terra su cui essere padroni,
Soffiava il Maestrale
Gemeva l’acqua
Sopra il grande nuraghe di Atlantide

Emersi i monti e le pianure
Il marrano
Bastimento approdava,
Ma vi erano in feroce rivalità
Cento e cento
Spade di bronzo tratte,
Giungeva il mammalucco
Il vandalo, il moro
Dalle insenature e dai capi
Per ferire e uccidere,
Rendevamo grazie a Lucifero!

Per mille anni il tempo ha segnato
La nostra danza infernale e selvaggia
Finché il sacro libro
Non fu ricoperto di rosse croci

Noi, coraggiosi guerrieri
E forestieri
Che solcavano il mare,
A Lucifero
Chiedemmo
Una terra su cui essere padroni…
Ogni memoria svanita,
L’onda oscura del mare
Ha ringhiottito
La famosa isola,
La nuragica terra di Atlantide

Bent’e Soi

D.Deidda, L.Lepori

Su castigu de sa libertadi
Po custas rundinis nieddas
Chi no tenint abas siguras
De lassai su primu apprigu,
Sa sperantzia
Sa cundanna
Sa beridadi
Su sonnu,
No reit prus su fiu connottu
De su limrinaxiu

Currit su mari a sa terra
Asegus lassada
Niu sustantziosu de ruinas
E de lonadigu sarenu,
Bianca lughi
De is casciais,
Terra sicca in labru mannu,
Su mundu si sprigat
Tristu in custus ogus

Nieddu su mari adenotti
Nieddu su sidi allacanat
Su cropus, dibilli fusti
Intregau a su entu

Cabudu fundu de chelu chi arriccisi
Vagabundu su coru miu a cantus
S’aidu suamì!
S’animu e is ogus
Furamìa!

Obrescit su mangianu
E straccus is ogus si serrant,
Bentu! Losinga is fillus tuus
Nascius e pascius in africana
Terra iscontzollada
In s’ammentu,
Ddis ses guida e luitzioni
In s’arriscosu caminu
Buidu de buida lughi

Arrubiu, su Bent’e soi
Suat vidas istrangias!
Arrubiu, su Bent’e soi
Suat vidas affrancadas!

 

Il castigo della libertà
Per queste rondini nere
Dalle ali incerte
Di abbandonare la prima dimora,
La speranza
La condanna
La verità
Il sonno,
Ormai, non le trattiene più
La familiare soglia

Il mare insegue la terra
Abbandonata alle sue spalle,
Un nido abbondante di rovine
E di lunatica quiete,
Bianca luce
Dei denti,
Terra arida sul grande labbro,
Il mondo si specchia triste
In questi occhi

Nero il mare è la notte
E nera la sete che affligge
Il corpo, debole fuscello
Affidato all’impeto del vento

– Estremità profonda del cielo che ricevi
Vagabondo il cuore mio a pezzi
Toglimi il respiro!
L’anima e gli occhi
Rubami! –

Albeggia il mattino
E stanchi gli occhi si chiudono,
Vento! Accarezza i tuoi figli
Nati e cresciuti in una terra africana,
Turbata
Dalla memoria,
Sei per loro la guida e il conforto
Nel periglioso cammino vuoto
Di vuota luce

Rosso, lo Scirocco
Spira vite straniere!
Rosso, lo Scirocco
Spira vite liberate!

Birra a Mengianu

M.Cadeddu

Tra prumoisi e figau m’è’ apparrada una pipardua
Fra s’ampuddua e sa tassa scioperu sempri sa carrada
Finza chi m’intendu stranu ca su sidi è permanenti
Deu no seu preoccupau poita c’esti s’acquatrenti

Cant’è mau a traballai chizzi depisi scidai
A su meri su dinai oi di deppu pregontai
Seu una vida traballendi ma parru chenz’e fai nudda
Forzis c’appu fattu tradu e mi arrisi sempri asuba

Mi praxidi andai a pisca chi sa birra è bella frisca
Cant’è bellu su mugheddu accumpangiau a binu nieddu.
Chi sa birra è callenti no mi faidi certu effettu
Chi no pigu su mugheddu m’accuntentu de giarrettu

Sa picciocca d’appu bida seu a tipu vangellida…
Stombi stombi andu a baddai ca mi parru una burrida
Cant’è bellu su carraxiu su zaccarru ‘e sa foresta
Lame a foglia ajo a “sa letra” Seu su meri de sa festa

Du serriu fotti ca mi praxidi a buffai
Birra a mengianu
E megh’ e megh’e megh’e ti du nai
Birra a mengianu
Du serriu a fotti a fotti ca mi praxidi a buffai
Birra a mengianu
Mi torrada meda meda meda andi ghettau
Birra a mengianu

Is prantallonis scorriasu ca si bidi sa mudanda
Ma no mi poidi ammancai sa cammisa anni settanta
Seu meda eleganti tengiu puru sa cravatta
Cun sa camisa bianca pongiu cussa a cabori ‘e pignatta

Tottu istiu a mari a didu e no seu abbronzau
Mi parri meda naturali… a su kiosku mi se’frimmau
No tengiu motorinu e nimmancu sa pattenti
Deu no seu siguru manca candu seu camminendi

Du serriu fotti ca mi praxidi a buffai
Birra a mengianu…

Seu prenu de rispettu no connosciu sa giustissia
Nemu scidi pru de mei cant’è bella s’amicizia.
E puru chi cancu otta no mi sciu comportai
No mi sezzu in dua poltrona cun sa bolontad’e furai

E fueddendi de onestadi, de coerenza e de sramentu
No tengiu nudda’e imparai de chi è sezziu in parlamentu
Chi in sa vida oidi tottu s’ou , sa pudda e s’arriabi
Ndi lessada a is attrus puru a mei lessada u giuabi.

 

Di polmoni e fegato mi è rimasta una pipardula
Tra la bottiglia e il bicchiere intravedo sempre la botte
Anche se mi sento strano e la sete è senza fine
Non mi sento preoccupato perché c’è dell’acquavite

Quanto è brutto lavorare, presto ti devi svegliare
Al padrone un po’ di paga oggi devo domandare
E’ una vita che lavoro ma sembro nullafacente
Forse perché ho fatto tardi e tu ridi a crepapelle

Mi piace andare a pesca se la birra è bella fresca
Quanto è buono il pesce arrosto se innaffiato a vino rosso
Se la birra invece è calda non mi rovina la giornata
Se non prendo dei bei muggini mi accontenterò di murici

Ma che bella tipina…mi attaccherò come una patella,
Caracollando a ballare come una razza nuota in mare,
Quanto è bello il casino, e le grida della foresta
Lame a foglia ajo! – a sa lestra – sono il reginetto della festa.

Lo grido forte che mi piace abbeverarmi
Birra a mattina
E dico a te ti dico a te ti dico a te ti dico
Birra a mattina
Lo grido forte forte che mi piace trangugiare
Birra a mattina
Ci godo godo godo godo godo a versare
Birra a mattina

I pantaloni strappati che si vede la mutanda
Ma non può certo mancare la camicia anni settanta
Sono molto elegante sfoggio anche la cravatta
Con la camicia bianca indosso quella color aranciata

D’estate chiedo passaggi al mare… ma non sono abbronzato,
Mi sembra naturale! Al chioshetto mi sono incastrato
Non possiedo il motorino e neanche la patente
Son pericoloso anche se cammino tra la gente

Lo grido forte che mi piace abbeverarmi
Birra a mattina…

Sono sempre rispettoso e mai problemi con la giustizia
Nessuno sa più di me quanto è bella l’amicizia,
E anche se qualche volta non mi so certo comportare
Non occuperei mai una poltrona con lo scopo di rubare

E parlando di onestà, di coerenza e ballabellaballamento
Non ho niente da imparare da chi vaneggia in parlamento
Chi nella vita vuole tutto, l’uovo, la gallina, e il denaro
Che ne lasci anche agli altri, a me lasci un filare di vigna

Parata Partot

D.Deidda, L.Lepori

A duru-duru! Andagna a baler!
Launeddas e tricchi-traccas e tamburus
A ballu brincu! Ajò! Ataca a suner!

Ch’am vegna un azidant!
Ch’am vegna un azidant! Arratz’e scialla!
Assottillendi a chentu a chentu funti
Ballerinas a gunnedda e sonallas!

Dai mò, suna al viulen!
Dai mò, suna al viulen! Afotti-afotti!
Ca is chentu carradeddus de binu
Aguantant fintz’a cras’annotti!

L’é la Partot!
Ai è di bei e di brot!
Cher ed caranvel!
E tamburein e sunadaur!
Al ven ed l’azdaura!
Al n’è megga una parata da tot!
L’è la Parata Partot!

Baladur e pajaz!
Baladur e pajaz! Allella! Allella!
Treullant e trumbullant sa pratza
A sonu de samba, rumba e tarantella!

A ié anca al bulgnais!
A ié anca al bulgnais! Chi attricchittat!
Che crabittu corriatzu a duus peis
Su pass’e tresi, su dillu e sa sciampitta!

L’é la Partot!
Ai è di bei e di brot!
Cher ed caranvel!
E tamburein e sunadaur!
Al ven ed l’azdaura!
Al n’è megga una parata da tot!
L’è la Parata Partot!

Ades ca sam imbarieg!
Ades ca sam imbarieg! E stontonau!
Mi toccat a mi ndi torrai a memei!
E si naru – Adiosu! – a ois chi eis baddau!

 

Inizia il duru-duru! Andiamo a ballare!
Launeddas, piccole percussioni e tamburi
A tempo di ballu brincu! Forza! Attacca banda!

Che mi venga un colpo!
Che mi venga un colpo! Che festa straordinaria!
Arrivano centinaia
Di ballerine con la gonna e i sonagli!

Dai, suona quel violino!
Dai, suona quel violino! Forte-forte!
Ché le cento botticelle di vino
Ci durano fino a domani notte!

È la Partot!
Ce n’è di belli e di brutti!
Carri allegorici!
Tamburini e suonatori!
Il vino della contadina!
Non è mica una parata qualunque!
È la Parata Partot!

Ballerini e pagliacci!
Ballerini e pagliacci! Sbronzi! Sbronzi!
Scuotono e mobilitano la piazza
Al ritmo di samba, rumba e tarantella!

C’è anche il bolognese!
C’è anche il bolognese! Che trotterella!
Come un capretto coriaceo su due zampe
Il pass’e tresi, il dillu e la sciampitta!

È la Partot!
Ce n’è di belli e di brutti!
Carri allegorici!
Tamburini e suonatori!
Il vino della contadina!
Non è mica una parata qualunque!
È la Parata Partot!

Adesso che sono ubriaco!
Adesso che sono ubriaco! E mi gira la testa!
Torno a casa a quattro zampe!
E dico – Arrivederci! – a voi che avete ballato!

Mamajoa

D.Deidda, L.Lepori

– A innui boas mamajoa?
A innui boas cun unu aneddu
Lugorosu che isteddu? –
Ddi na’ su rei de s’axroa
– Cumpadessat su rei,
Crasi est una coja noa!
Si cunfidant a mei
Is ammoradas soas!
– Atta e manna est sa luna,
Mudada est sa fortuna,
Intendiu as su marragau
Itta novas at nau?
Cun su coru mudau
Nottesta donnia ammorada
Si furriat a s’ammorau
E aprontat s’imboiada! –

Duas gianas teniat
Avattu su pubureddu
E sa munia intendiat
A intru de su cuccureddu
De unu trobaxu ecciu
In mesu de su scabecciu,
Impari cun unu majou
Cun sa luna in s’arcajou,
Tessiat una e si gosat
De is banaus de sa vida,
Pranghiat s’attra intristada
Lambrigas cumpridas
– Betti a innoi – Ddi naranta –
Cussu aneddu dorau!
Mamajoa canta-canta
Debadas dda leau!

Aiaiahi! Mamajoa!
Bisau m’appu una vida noa!
Is gianas mias t’ant inghiriau
E s’aneddu ti nd’ant istellau!

In s’omu de s’ammorada
Chentu pubas fadadas
Baddant masedas
In sa fanuga de seda,
Chentu gianas fuias
A su cantu de sa stria
Cun chentu e unu concurumbeddu
In su sattu nieddu,
Drommida s’amorada
Intendit sa ninnia,
Ninnia spiridada
Chi ddi trammat sa ia
– Fullianchi –Naràt –
Cussu aneddu dorau!
Gosadìa, ammorada,
E leadì unu attru ammorau!

 

– Dove voli coccinella?
Dove voli con un anello
Luminoso come le stelle? –
Le chiese il re dell’aia
– Mi compatisca eccellenza,
Domani è un nuovo matrimonio!
Si rivolgono a me
Le innamorate solitarie!
– È alta e grande la luna
che tramuta la sorte!
Hai sentito le parole
Del gruccione?
Con il cuore trasformato,
Stanotte, ogni innamorata
Respinge il proprio amante
E prepara la fuga! –

Due giane inseguivano
La bestiola
Che sentiva il mormorio
Di un vecchio telaio
Provenire da dentro la collina
Fra le piante del campeccio,
E il tramestio di una tramoggia
Con la luna nel ripostiglio,
Una delle due giane tesseva e cantava
Le primavere della vita
Mentre l’altra, triste, piangeva
Lacrime mature
– Dai qua – Le dicevano –
Quel anello dorato!
Coccinella sbadatella
L’hai portato per niente!

Aiaiahi! Coccinella!
Ho sognato una nuova vita!
Le mie giane si sono prese gioco di te
E ti hanno sequestrato l’anello!

Nella casa dell’innamorata
Cento creature fatate
Danzano pacate
Sul copriletto di seta
Cento giane giunte
Al richiamo del barbagianni
Con cento e una capriola
Nella campagna nera,
L’innamorata addormentata
Ascolta la nenia,
Una nenia delirante
Che trama il suo destino
– Getta via – Diceva
– Quel anello dorato!
Godi della vita, innamorata,
E trova un nuovo amante!

Maryanna

D.Deidda, L.Lepori

Su mericceddu a Turrimanna
Fait su cuacciou in s’abba
Maryanna,
It’s a beautifull show!

Su pisci est alluau
Totu alloddu assottiu
E appistuau,
The birds pìu-pìu!

Maryanna spollada
No timit e no schivat
S’accadebada
De chi no si ndi privat!

Ready go… A nedai!
Tittas no dd’accudint
E nadiai,
Uŋu panorama fudi!

Babballuccasa! Ooh, yeah!
Maryanna, biancu lillu,
Totu si speat!
– ‘Nca mia! – Na’ su cabillu!

Su pisci is candy-candy
E is caus avattu
Acabussendi
To get some arraccattu!

Illompia a sa boa
Cun su pisci assustrau
E torrendi a coa,
Ge ddu pottat attaccau!

Ma itta pisci est cussu?
Pottat unu ogu abia
E tzrugu grussu,
A Polyphemus real!

Ge no adessi su grongu?!
I try to identify it.. Aaah!
Su stragallongu!
Itta at a chelli nai?

… Hello Miss Maryanna
Your body is very trendy
So titti-manna
And even minchi-stending!

 

Il pomeriggio a Torre Grande
Si bagna lungo la riva
Maryanna,
Che magnifico spettacolo!

Il pesce è imbambolato,
Giunto in quel frangente
E stralunato,
Gli uccelli fanno pio-pio!

Maryanna nuda
Non teme e non evita
Gli sguardi
Dei curiosi, che non sanno farne a meno!

Pronti via… A nuotare!
Le tette non riescono a starle dietro
E neppure il sedere,
Che panorama!

Bollicine! Ooh, yeah!
Maryanna, bianco giglio,
Tutta si divarica!
– Cosa ti farei! – Dice lo zotico!

Il pesce è come uno zuccherino
Per i gabbiani
Che si fiondano sulla superficie dell’acqua
Alla ricerca di un po’ di cibo!

Raggiunta la boa
Con il pesce impaurito
Ritorna verso la riva,
Ce l’ha proprio addosso!

Ma che pesce è questo?
Ha un occhio solo
E il collo grosso,
Un Polifemo autentico!

Non sarà mica il grongo?
Cerco di identificarlo… Aaah!
L’extrallungo!
Cosa significa?

… Salve Miss Maryanna
Il vostro corpo è molto trendy
Un seno tanto grande
E un membro ringalluzzito, per giunta!

Conchiattu

S.Baldinu, S.Pistis, L.Lepori

Chitzi-chitzi iscidendisì
Cantu podiat si sperriat
Su caboniscu a oghi manna tzerriat
Prontu chicchiricchiii!

Totu sa idda de Crabas
Chi tenit su sonnu grai
Mancu tzunchiat is pabas
Sighendi a surruschiai

Illuegus e totu alloddu
Imbideau Conchiattu
S’aganciat s’arracatu
E si ponit sa betua a coddu

Sa retz’e su Levanti
Sa terra at infriscau
Conchiattu incarrebau
Totu a pass’e pottanti

Su Sinnis in su chitzi
Totu cantu est frorìu
E ddu at fragu ‘e marìu
De tzippiri e modditzi

Ma si trocchit arriendi
E narendisì intr’e sei
Cust’est cos’e no ddu creit
Itt’est chi m’est incapitendi

Su iddiu est furriendi
Coment’e unu barrallicu
Sa matz’est borrucuendi
A mod’e acqua in broticu

Sa udda frusiosa
Srubiendi antitzipada
Scudit tres tzacarradas
De troddiu poderosas

E apustis apretendi
Sa udda intrat in giogu
Assimbillat iscochidendi
A una bricichett’e fogu

Sa frusia ‘e s’arrafega
No est cos’e poderai
Is mudandas de teba
Chi ddi stupant a boai!

Sighit po sighì guettus
E isparus de tricchi-traccas
Bombas e mutaretus
Totu unu tzacarra-tzaca

Murrungeddus pitus
Tzunchius e iscrammiadeddas
Suspirus iscannius
E oghis de launeddas

Tzerriendi ispiridau
E baddendi a quattru peis
A sa mod’e is brabeis
E a cratzonis cabaus

Tocat anca est Tallentu
Su chi aconciat is uddas
Aciopada una lob’e puddas
Fait s’arrangiamentu

Tallentu a pagu a pagu
Infrucuendi sa sua
E tirendi su spagu
Cosit sa cannagua

Conchiattu acappiau
A intr’e unu sacu ‘e traggiù
Giustu dd’ant lassau
Sceti in foras su cù

Ma a s’urtima afruconada
No ddu poderàt prus
Conchiattu a cù in susu
Iscudit s’iscupetada

Torrant a sighì guettus
E isparus de tricchi-traccas
Bombas e mutaretus
Totu unu tzacarra-tzaca

Ma a s’urtima apretada
De botu oiamommia!
Nostra Sannora mia!
Sa canna s’est tzacada.

 

Si sveglia nel primo mattino
E tronfio, il gallo gonfia il petto,
Squarcia la voce e urla
Lesto chicchiricchiii!

I cabraresi
Che hanno il sonno pesante
Non fan tremare neppure le spalle
E continuano a russare

Veloce e puntualmente
Alla buon ora Conchiattu
Raccoglie la merenda
E va via con la bisaccia sulle spalle

La brezza del Levante
Ha rinfrescato la terra
E Conchiattu si avvia
Trotterellante

Al mattino il Sinis
È tutto quanto in fiore
E si sente il profumo di mare
Di rosmarino e lentischio

Ma si contorce fra le risate
Conchiattu, e sbigottito pensa:
– Non capisco
Cosa mi stia accadendo!

L’ombelico di Conchiattu si rivolta
Come una trottola
Lo stomaco gorgoglia
Come acqua dentro una brocca

Lo sfintere furioso
Fischia incontrollato
E esplode per tre volte
Con poderose scoregge

Poi nello sfogo,
L’orifizio ad alto regime
Sembra scoppiettare
Come una motocicletta

La furia della raffica
Non è facile da controllare:
Le mutande di tela
Prendono il volo!

Seguono fuochi d’artificio
Esplosioni di piccole micce
Bombe e mortaretti.
Tutto scoppietta!

Lievi lamenti
Gemiti e urla
Sospiri ben scanditi
E voci di launeddas

Grida nel delirio
E balla a quattro zampe
Come le pecore
E con i calzoni bassi

Si rivolge dunque al Sig. Talento
Il guaritore degli sfinteri,
E procuratosi alcune galline
Gli commissiona l’intervento

Sig. Talento pian piano
Buca con la lesina,
Tira lo spago
E cuce il deretano

Conchiattu è immobilizzato
In un sacco di juta
Si intravede
Solo il suo sedere

Proprio all’ultima foratura
Conchiattu allo stremo
E con il sedere per aria,
Spara la fucilata

Nuovamente i fuochi d’artificio
Le esplosioni di piccole micce
Bombe e mortaretti.
Tutto scoppietta!

Nella furia estrema dello sfogo,
Oh mamma!
Oh Nostra Signora!
Si rompe il culo definitivamente.

Parole di Carne

D.Deidda, L.Lepori

Non voce che sussurra
Con tono il tuo piacere,
Mi basta una carezza
E godo al tuo tacere

Dammi la tua bellezza
Godendo della mia,
Non farti di illusioni
Ti ghiaccio di ironia

Quasi fibrillazioni
Affiorano dal petto,
Bagnamoci dei sensi!
Non più di quello retto!

Il corpo, ciò che pensi,
Racconta in riso e in pianto,
È il volo della rondine
Che amo più del canto,

Al freddo della grandine
Riscalda la tua pelle…
Finché le prime voci
Riacquistano favelle,

Son nere come croci
E inducono al giudizio
Le ciance, e la passione
Riducono a supplizio

Les Auberges de Jeunesse

D.Deidda, L.Lepori

Bah! Moi, je ne préférérai jamais
La chasteté fidèle au profane sex!
Encore et encore je me moquerai
De la morale et de ses messes.
Ecoutez bien! Je vais vous confier,
Messieurs les dieux et Mesdames les déesses,
Les luxurieuses nuits ecoulées
Dans les joyeuses auberges de jeunesse!

En paradis aussi, j’éspère
Trouver un lieu autant agreable,
Où chacun oublie les moeurs sévères
Et vie des sentiments veritables,
Où on s’adonne aux plaisirs de la chair,
Et où les amoureux insatiables
Savourent des amours éphémères,
La garancie d’une juissance durable!

Je me souviens d’une femme si belle
Qui en un istant m’avait ravi,
Peu après, comme dans une lune de miel
Il nous a donné l’amour Paris!
Nous sommes les papillons dans le ciel
Qui unissent leurs vies dans une seule nuit
Et ne chercheons pas l’amour eternel
Dans des grandes chambers à dix lits!

 

Mai preferirò
La castità fedele al profano sesso!
Ancora e ancora mi prenderò gioco
Della morale e delle sue messi.
Ascoltate bene! Vi confiderò,
Signori dei e Signore dee,
Le lussuriose notti trascorse
Negli allegri ostelli della gioventù!

Anche in paradiso, spero
Di trovare un luogo tanto piacevole
Dove ciascuno mette da parte le severe abitudini
E vive sentimenti autentici,
Dove ci si dedica ai piaceri della carne,
E dove gli amanti insaziabili
Assaporano amori effimeri,
La garanzia di un godimento duraturo!

Ricordo una donna tanto bella
Che in un istante mi rapì,
Poi, come in una luna di miele,
Ci regalò l’amore Parigi!
Noi siamo le farfalle nel cielo
Che uniscono le loro vite in una notte
E non cerchiamo amore eterno
In grandi stanze da dieci letti!

L’Homme et la Mer

C.Baudelaire, A.Coda

Homme libre, toujours tu chériras la mer!
La mer est ton miroir; tu contemples ton âme
Dans le déroulement infini de sa lame,
Et ton esprit n’est pas un gouffre moins amer.

Tu te plais à plonger au sein de ton image;
Tu l’embrasses des yeux et des bras, et ton coeur
Se distrait quelquefois de sa propre rumeur
Au bruit de cette plainte indomptable et sauvage.

Vous êtes tous les deux ténébreux et discrets:
Homme, nul n’a sondé le fond de tes abîmes;
Ô mer, nul ne connaît tes richesses intimes,
Tant vous êtes jaloux de garder vos secrets!

Et cependant voilà des siècles innombrables
Que vous vous combattez sans pitié ni remords,
Tellement vous aimez le carnage et la mort,
Ô lutteurs éternels, ô frères implacables!

 

Sempre amerai, uomo libero, il mare!
È il tuo specchio: contempli dalla sponda
In quel volgere infinito dell’onda
La tua anima, abisso anch’esso amaro.

T’immergi felice nella tua immagine,
La desideri, l’abbracci, e il tuo cuore
Un poco si distrae dal suo rumore
Con quel lamento ribelle, selvaggio.

Siete entrambi tenebrosi e discreti:
Uomo, chi può esplorare i tuoi abissi,
Mare, chi può sondare i tuoi possessi?
Siete gelosi dei vostri segreti.

E tuttavia da tempo immemorabile
Vi combattete rischiando la sorte,
Tanto vi esalta la strage e la morte:
Nemici eterni, fratelli implacabili!