CD Panem, binu et circenses (2012)

Lobotoman

Deidda, Lepori, Cadeddu

Lobotoman
Giompet a s’ispessada
Lobotoman
Acontzat sos chelveddos
Lobotoman
Chin una punta a caragolu
Sanat travessos e poleddos

Sos malaidos in su mundu
Bi sunt semper istados
Ma che in cust’era mai
Nd’aimos agatados

Digna potet essere
Solu cussa zenia
De omines chi azuant
A creschere s’economia

Macos idealistas
A su passadu avetzos
Bos pungo su chelveddu
Gai bos aderetzo!

Sa punta a caragolu
Bos azudat a pessare!
Cantade fizos meos
Benennidu nucleare!

Ti pungo e ti domando
Su tempus benidore
Cheres chi siat benessere
O trabagliu e suore?

Su nucleare a tie
De mischinu chi ses
Ti podet leare
A biver che unu re

No pius caldu in s’istiu
E fritu in sos caminos
Totu est climatizadu
Pro fintzas sos giardinos

Puru s’abba de su mare
Ti podes caentare
E tando canta scemo
Benennidu nucleare!

Sa punta a caragolu
Punghet a tramavia
Bois sezis totu fizos
De sa lobotomia

Miracolosa cura
Chi solu deo isco dare
Mirade cantas sunt
Sas bases nucleares!

Si bos pedides ite
Sunt frores e nues
Est ca su caragolu
Sos pentzos bos irderruet

E si una nue ti cuat
Su sole chi t’abbronzat
Iscazala deretu
No nde tenzas bilgonza!

 

Lobotoman
Arriva all’improvviso
Lobotoman
Ripara i cervelli
Lobotoman
Con una punta di trapano
Guarisce deviati e asini

I malati nel mondo
Sono sempre esistiti
Ma mai così tanti
Come in questa epoca

L’unica categoria di uomini
Che può dirsi degna di esistere
E quella che favorisce
La crescita economica

Voi pazzi idealisti
Troppo affezionati al passato,
Vi pungo il cervello
Così vi sistemo!

La punta del trapano
Vi aiuta a pensare!
Cantate figli miei
Benvenuto nucleare!

Ti perforo e ti chiedo:
Vuoi un futuro
Fatto di benessere
O di lavoro e sudore?

Il Nucleare può cambiare
La tua misera vita,
Ti può far vivere
Come un vero re

Non più il caldo afoso
O il freddo lungo le strade,
Sarà tutto climatizzato
Anche i giardini

Anche la temperatura del mare
Può essere regolata a tuo piacimento
Perciò canta, scemo,
Benvenuto nucleare!

La punta del trapano
Punge a più non posso,
Siete tutti figli
Della lobotomia

Una cura miracolosa
Che solo io posso somministrare,
Guardate quante sono
Le basi nucleari!

Se non sapete più cosa sono
I fiori e le nuvole,
Questo si deve alla perforatura
Che ha sbriciolato i vostri pensieri

E se una nuvola nasconde
Il sole che ti abbronza
Distruggila!
Non indugiare!

Etichette

Deidda, Lepori, Pists, Cadeddu

Come indossi bene il pantalone
Uomo della tua generazione
Gli armadi sono pieni di etichette
Confezionate attentamente anche per te
Che sei un alternativo
C’hai pure il salottino world music dell’Ikea!

Gli amici rocchettari ti sfottono alla grande
Ti insultano e ti pogano addosso
Ma tra i ceffoni invochi il dio dei fricchettoni
Che appende per il naso il rocchettaro!
Impazza il distorsore
Gli strappa il pantalone
Un’etichetta del valore di un milione
Era da imbottitura al mutandone

C’è qualcosa che vi unisce nel pensiero
Qualcosa che vi unisce nel pantalone
Un cartoncino sul culo che vi turba
E che alimenta quel disagio
Incomunicabile, intimo e irrazionale
Giovanile
Quella voglia di libertà
Quel prurito che non sai
Che tu non sai
Non lo sai
Non hai saputo mai

Staccati l’etichetta dal culo
E conquista la tua libertà
Stacca l’etichetta anche tu

Al jazz club il vinello costa caro
E costa caro pure il pantalone
L’eleganza dello stile suona bene
E tutto sembra molto più importante
Di quanto non sia la tua musica per me!
Ascolti e suoni i grandi del passato
Omaggiati con teoremi musicali
Dalla geometria perfetta
E dalla grossissima etichetta

Passu Torraki

Deidda, Pistis, Lepori, Coda, Cadeddu

Ohi ita dannu mannu!
Cessu mama cessu!
Su ballu nch’est isparessiu
Nch’est andau
No est prus torrau
Sa genti poberita
No scit prus a innui si furriai
Cessu cessu mama cessu!

Mariedda bessit sempri a passillai
E dd’arrachedit a sonai sa trumba
Ma is chi funti cuaus a intru de sa tumba
No menescint de nchi stupai
A foras po dd’acadebai!

Mulleri mia no est prus inchieta
E cheit logu meda a dda tocai
Mi ghetat manus a sa bragheta
E in tempus de duas oras issa torrat a ghetai!

Orune, Bitti, cun zente orgolesa
Issus ge ndi potant de pius!
E pius longus!
E si nd’agatant in giru po su mundu
E in discoteca, si ddus bis
No baddant prus su ballu tundu
Ma de candu su ballu si nch’est andau
E no est prus torrau
No est prus su Passu Torrau

Potat atra cara immoi
Potat atra fachi immoi
Potat arratz’e cara!
Potat arratz’e fachi!

Passu Torraki!

 

Oh mio Dio!
Oh Gesù! Oh mamma!
Il ballo è sparito
Se n’è andato
Non è più tornato!
Siamo tutti senza speranza
E non sappiamo più dove cercare!
Oh Gesù! Oh mamma!

Mariedda esce sempre a fare la passeggiata
E suona sempre con passione la sua tromba
Ma quelli che stanno dentro i cimiteri
Non hanno nessuna intenzione di uscire fuori!
Oh mio Dio! Fuori per ammirarla!

Mia moglie non è più arrabbiata con me
Anzi vuole sempre essere corteggiata
Scaglia le sue mani sui miei pantaloni
E dopo due ore torna alla carica!

Orunesi, bittesi e orgolesi
Loro sì che hanno dei grandi peli!
Capelli lunghi!
Li trovi in giro per il mondo
E se li osservi in discoteca
Non ballano più il ballo tradizionale ma…
Da quando il ballo se n’è andato
E non è più tornato
Non è più il Passu Torrau

Ha un altro volto ora
Ha un’altra faccia ora
Che razza di volto!
Che razza di faccia!

Passu Torraki!

Binu

Casula, Deidda, Pistis, Lepori

Ca mi l’hat proibidu su dottore
Non buffo pius binu.
E ite pena pro cust’istadu meu, ite dolore!

Tristu est su pranzu e peus est sa chena
Ca tue, rugiu licore delicadu,
Non lughes in sa taula serena.

Cantu fit bellu s’istare in cantina
In sos seros d’istiu! E in atonzu
Su inu buffende in coghina

Si passat custa violera,
Pro te, binu nieddu, hap’a gherrare
Che fante pro sa propria bandera.

Ai custu non fia abituadu.
Mancari esset miseru su pastu,
Cun tue, binu ardente e profumadu,

Curaia s’istogomo guastu.
E senza purgas e senza meighina
Digeria pro finz’ei su crastu.

Vino vino
Il signore è con te
Sei la vita
Sei il mio re
Sei la luna
Del dolore
Sei la figlia
Del dottore
Nieddu nieddixieddu
Nieddu forti
No mi scovisti
Sa sorti
Mi furriu e mi crocu
Pitiu pitiu
Omini motu
Omini biu

 

Poiché me lo ha proibito il medico,
Non bevo più vino.
Che pena per questo mio stato, che dolore!

Triste è il pranzo e ancor più la cena,
Perché tu, rosso liquore delicato,
Non brilli nella mensa imbandita.

Come era bello stare in cantina
Nelle sere d’estate! E in autunno
Bevendo il vino in cucina

Però se passa questa inezia,
Combatterò per te, vino nero,
Come un fante per la propria bandiera.

A questo non ero abituato.
Anche se era misero il pasto,
Con te, vino ardente e profumato,

Curavo il mio stomaco malato.
E senza purghe, senza medicina,
Digerivo persino la pietra.

Vino vino
Il signore è con te
Sei la vita
Sei il mio re
Sei la luna
Del dolore
Sei la figlia
Del dottore
Nero nero
Nero forte
Non svelarmi
Il destino
Mi volto e mi stendo
Piccolo piccolo
Uomo morto
Uomo vivo

Pulcinella

Deidda, Mura, Lepori

M’eis cannottu? Ueué! Chi seu?
Ueué! Chi seu?
Seu Pulcinella! Bengiu de s’atru mundu

Santu Pedru, sempri siat lodau,
M’at dimandau:
Poita sa genti tua sunfrit is ingiustissias?

Issu a iscusi m’at nau de si nai
A si ribellai!
Tanti Deus si onat a totus unu aprigu in paradisu

A unu talli chi no si fiat ribellau
Deus, spantau,
Bai a s’inferru dd’at nau, ca poita ses tontu!

Ahi! Maronna Marunnella!
C’amm a fà Pulecenella?
Pilloneddu boa
Si su procu acioat!
Aggio visto ‘nu surdato
Cu ‘nu fucile puntato!

In mesu a ludu, pruinu e terra
Sannora Gherra
Aggiagarada de su soi t’ant a bì imbruscinendi

Longus frocus drochinus
In su caminu
Currint coment’e su niau lebiu in crabetura

Scida su sonnu, nara de aici
Est sa manera de dda podi binci
Su frori in sa manu ca a foti as a stringi
Sa paxi unu fueddu chi luegu as a liggi

Sa brulla tenit sempri una arexina
Sa lotta, oh sa genti, est sa mexina
Ma chi lotta obeis chi siat po sa vida
Ca apabas si incarat onnia dì sa rovina

Atziai sa conca, castiai prus in atu
Su bentu est suendi e immù dd’oit fatu
Cicai de cumprendi ita ddu est mein su pratu
Sa paxi est giustitzia, s’amori est baratu

Satai su muru po lompi ingui immesu
Sa gherra si fait partendi de atesu
Su fueddu e sa bomba, diversu pesu
Sciobera su primu e as a bì ita teneus!

Noi simu ‘na minoranza!
Chilli senza chiù speranza!
Unu frocu drochinu
T’at a sravai su niu
Jà! Facimm a pace! Jamme!
Tengo friddo, suonno e famme

 

Mi avete riconosciuto? Chi sono?
Chi sono?
Sono Pulcinella, ueué! Vengo dall’aldilà

San Pietro, sempre sia lodato,
Mi ha chiesto
– Perché la tua gente sopporta tante ingiustizie?

E, in confidenza, mi ha detto di dirvi
Che avete il diritto di ribellarvi!
Dio garantisce a tutti un posto in paradiso

A un tale che non si era ribellato,
Dio, meravigliato,
Gli ha gridato – Tu sei fesso e andrai all’Inferno!

Ahi! Madonnina mia!
Che dobbiamo fare Pulcinella?
– Uccellino vola
Se il maiale grugnisce! –
Ho visto un soldato
Con il fucile puntato!

Tra il fango, la polvere e la terra,
Signora Guerra
Striscerai, cacciata dalla luce del sole

Lunghi fiocchi azzurri
Lungo la strada
Corrono leggeri come la neve sui tetti

Svegliati dal sonno, dice
È l’unico modo per sopravvivere
Con un fiore stretto nella mano
E la pace è una parola che presto leggerai

Le trappole hanno lunghe radici
Gente, la medicina è la lotta
E se lo volete, che sia per la vita
Perché le disgrazie si celano ovunque

Sollevate la testa e guardate in alto
Il vento spira e questo è il momento
Guardate cosa vi si offre
La pace è giustizia, l’amore è a buon prezzo

Saltate quel muro e gettatevi nella mischia
La guerra inizia da lontano
Le parole e le bombe hanno un diverso significato
Scegli le prime e scoprirai!

Noi siamo una minoranza!
Quelli che non hanno più speranza!
– Un fiocco azzurro
Salverà il tuo nido –
Facciamo la pace! Sù!
Ho freddo, ho sonno e fame

Amaro 18

Deidda, Lepori, Pistis, Coda, Cadeddu

Ciao! Ci ritroviamo
Noi, sedati e impomatati
A trent’anni,
Vuoi prendere un caffè?
Sono stanco di ossequiare
E di ingoiare
Ottimismi alla crema
Il sistema non sistema
I muri sono bianchi
I figli sono stanchi

Le piazze tornano a urlare
Torna anche la voglia di osare
E di parlare
Davanti a un buon caffè,
Quanti siamo a scavalcare
Le cancellate!
Armati di limoni
Nella caccia ai massoni
I muri si colorano
I figli si innamorano

Sono nostre le strade
E nostra è la rete
Qui non è più tempo
Di stare ad aspettare
C’è l’ammazzacaffè!
L’ammazza ed il limone
Contro il muro di cartone,
Domani tocca a te
Portare l’ammazzacaffè
Prima del candelotto
Un Amaro 18

Fucking Clown

Deidda, Lepori, Pistis, Coda, Cadeddu

I’ve lived a corrupt life
I’ve had sex often with bitches
And my daughter stripped
At Paperon de’ Paperoni’s house
For politicians and business men,
Well, I’ve tried to be a real Italian man!
I’ve tried it for longtime
But now I’m under treatment by psychodrugs

Here you are relics of my past:
My grandfather was a peasant
Sella il suo cavallo
Si reca in campagna a farsi il culo,
My grandmother hedged in their money
Dentro una grande cassa di legno,
Ha paura che i militari lo portino via
At that time, struggles for freedom
Were for freedom
Of the poor people and workers

Fucking Clown!
You say: I’m the Freedom
I’m the Love that wins the Hate!
You laugh
You’re happy
And you’re invincible!

My people are with you
See you, I leave you

Now I’m fine and fully recovered
I speak another language
And my new compatriots
Don’t make fun of me anymore
They don’t tell me stupido italiano,
Mafioso mangia-pizza and pagliaccio!
Finally I realized
The meaning of his moking smile and I burn
The mask of the fucking clown man!

 

Ho vissuto una vita corrotta
Sono andato spesso a puttane
E mia figlia ha danzato nuda
Nella casa di Paperon de Paperoni
Per politici e uomini d’affari
Beh, ho provato a essere un vero italiano!
Ci ho provato! Ma ora devo disintossicarmi
Sono in cura sotto psicofarmaci

Ecco le reliquie del mio passato,
Mio nonno era contadino:
Sella il suo cavallo
Si reca in campagna a farsi il culo,
Mia nonna custodiva il loro denaro
Dentro una grande cassa di legno,
Ha paura che i militari lo portino via.
Allora, la lotta per la libertà
Era la lotta per la libertà
Dei poveri e dei lavoratori

Clown del cazzo!
Tu dici: sono la Libertà
Sono l’Amore che vince sull’Odio!
Ridi
Sei felice
E sei invincibile!

La mia gente è con te!
Ciao, ti lascio

Adesso sto bene. Sono guarito.
Parlo un’altra lingua
E i miei nuovi connazionali
Non si prendono più gioco di me
Non mi dicono stupido italiano,
Mafioso mangia pizza e pagliaccio!
Riconosco la sua risata beffarda
E lascio bruciare finalmente
La maschera dell’uomo pagliaccio!

Cherry

Deidda, Lepori, Coda

Di rosso bagnerò
I monti che danno il fresco
E la bruma d’inverno cadrà
Lungo il mio profilo di rugiada

Macchierò
Le labbra degli amanti
Che la strada bianca rubò
Ai vicoli ciechi e quotidiani

Oh Cherry
In ogni angolo d’estate
Un frutto rosso c’è
Oh Cherry
Il gusto folle di baciarti
Molto grosso è

Sei specchio del sole
Oh! Mia pelle di vetro
Luminosa nel verde pareo
Sei occhi che portano via

Mordimi amor!
Il frutto sboccia e tu nasci
Nella prima vera stagione
Calda come sabbia di Baia

Solstizio d’estate
Scrivimi una canzone
Ogni giugno torni da me
E allora dimmi che sarò la tua sposa

 

Lobotoman
Arriva all’improvviso
Lobotoman
Ripara i cervelli
Lobotoman
Con una punta di trapano
Guarisce deviati e asini

I malati nel mondo
Sono sempre esistiti
Ma mai così tanti
Come in questa epoca

L’unica categoria di uomini
Che può dirsi degna di esistere
E quella che favorisce
La crescita economica

Voi pazzi idealisti
Troppo affezionati al passato,
Vi pungo il cervello
Così vi sistemo!

La punta del trapano
Vi aiuta a pensare!
Cantate figli miei
Benvenuto nucleare!

Ti perforo e ti chiedo:
Vuoi un futuro
Fatto di benessere
O di lavoro e sudore?

Il Nucleare può cambiare
La tua misera vita,
Ti può far vivere
Come un vero re

Non più il caldo afoso
O il freddo lungo le strade,
Sarà tutto climatizzato
Anche i giardini

Anche la temperatura del mare
Può essere regolata a tuo piacimento
Perciò canta, scemo,
Benvenuto nucleare!

La punta del trapano
Punge a più non posso,
Siete tutti figli
Della lobotomia

Una cura miracolosa
Che solo io posso somministrare,
Guardate quante sono
Le basi nucleari!

Se non sapete più cosa sono
I fiori e le nuvole,
Questo si deve alla perforatura
Che ha sbriciolato i vostri pensieri

E se una nuvola nasconde
Il sole che ti abbronza
Distruggila!
Non indugiare!

George Gray

Masters, Deidda, Lepori, Coda

Meda otas apu avetiu
Sa pintura mia in sa losa,
Febas arregotas de una braca
Ororu ‘e sa terra

Ca s’amori m’iat arriciu
O candu iat pichiau
S’enna mia su prantu,
Timiu e biviu cuau

Callighisiat su entu,
Ispraghi cussas febas!

Vida mia allacanada
Bagadiu apentzamentu
Una braca cantepari
Chi timìat su mari

 

Molte volte ho osservato
Il dipinto sulla mia lapide,
Vele ammainate di una barca
Vicino alla riva

Per l’amore che mi si offrì
E per tutte le volte che ha bussato
Alla mia porta il dolore,
Temevo e vivevo in disparte

Qualunque sia il vento che spira,
Alza quelle vele!

Vita mia sfinita
Sterile inquietudine,
Come una barca
Che temeva il mare